Odontoiatria Conservativa

L’ Odontoiatria conservativa

E’ la specialità che si occupa di curare elementi dentari fratturati, cariati o mal sviluppati riportandoli alla corretta forma e funzione.
L’odontoiatria conservativa, come suggerisce il nome stesso, tende con i suoi protocolli interventistici, a conservare quanto più “materiale naturale” si è in grado.
Nel caso di carie superficiali, l’odontoiatria conservativa adotta metodi il meno possibile invasivi, asportando solo quelle parti di dente interessato al danno. (Vai al video: Rimozione carie frontale). Purtroppo nei casi di carie profonde, che interessano cioè la polpa dentaria e i nervi, si rende necessaria la completa devitalizzazione dei canali radicolari. (Vai al video: Trattamento endocanalare). L’odontoiatria conservativa tende quindi alla minima invasività degli interventi, che si riducono all’eliminazione delle parti malate e alla loro sostituzione con materiali di restauro.

Ciò è possibile attraverso tecniche dirette e indirette.

Le tecniche dirette (otturazioni e ricostruzioni) sono eseguite in genere in un’unica seduta. La carie viene completamente rimossa e l’elemento dentario è ricostruito con delle resine composite direttamente nella bocca del paziente (Vai al video: Otturazione in composito). I compositi sono stati una grande rivoluzione in odontoiatria infatti, prima di essi le otturazioni potevano essere solamente eseguite in oro o in amalgama di argento, comunemente definito piombo..

Nonostante fossero materiali molto affidabili, l’estetica raggiungibile era pessima e nulla aveva a che vedere con il colore del dente. I compositi oggi sono evoluti fino ad arrivare ad avere caratteristiche eccezionali in termini di estetica, e biomimetica.
L’estetica ottenibile da un operatore esperto con i compositi attuali è elevatissima consentendo un perfetto mimetismo del restauro con la superficie dentale dove è stato applicato (Vai ai casi clinici: Ricostruzioni post-trauma)

Le tecniche indirette comprendono intarsi e faccette.

Gli intarsi sono corone parziali necessarie a ripristinare gli elementi dentali posteriori (premolari e molari) particolarmente distrutti. Anziché limare completamente il dente per incapsularlo, se è disponibile una quantità sufficiente di smalto, è possibile ricreare solo la parte andata persa. Grazie all’uso del sistema cad-cam nella nostra clinica e’ possibile realizzare un intarsio in pochi minuti. Senza questo sistema sono necessari in genere 2 passaggi: nella prima seduta viene rimossa la carie , eseguita una prima otturazione , presa un’impronta ed il paziente viene dimesso con un’otturazione provvisoria.

Nella seconda seduta l’intarsio, dopo esser stato realizzato dal tecnico, viene cementato adesivamente (incollato) ottenendo lo stesso risultato estetico e funzionale di una corona completa ma con un maggior risparmio sia biologico che economico.
Tutti gli interventi di conservativa sono svolti o con anestesia locale o, quando possibile, senza nemmeno bisogno dell’anestesia.

Il confort operativo è aumentato dall’uso della diga. Questa è un sottile telino di gomma che circonda i denti e impedisce che tutto ciò che viene usato possa andare in bocca. Il grande vantaggio è che il campo operatorio, dove noi lavoriamo, rimane sempre asciutto dalla saliva che altrimenti metterebbe a rischio l’adesione e l’indurimento dei compositi! L’impressione che ha il paziente è che l’intervento avvenga al di fuori della propria bocca, può così rilassarsi e, non di rado, ….addormentarsi!

Come faccio a capire se ho una carie?

Purtroppo, quando la carie è nelle sue fasi iniziali, il paziente non avverte il benché minimo fastidio, quando la carie raggiunge una certa profondità invece il paziente comincia ad avvertire fastidio in presenza di alcuni stimoli quali: (Vai al video: Progressione della carie)

  • dolore al caldo e al freddo
  • dolore alla masticazione
  • dolore in presenza di cibi acidi e/o dolci

Se la carie viene trascurata, continua a distruggere il dente fino a giungere alla polpa. La sintomatologia cambia:

  • il dolore diventa spontaneo
  • il dolore è intenso (Pulpite)
  • il dolore riguarda ampie zone del volto.

Odontoiatria conservativa: suggerimenti

 – Non aspettate che il dente faccia male per andare dal dentista: a quel punto potrebbe essere troppo tardi per evitare la devitalizzazione

 – Sottoponetevi a visite dentistiche preventive periodiche e a regolari sedute di igiene orale, entrambe con una cadenza almeno annuale: in questo modo potrete prevenire l’insorgere della carie o di problemi dentali più gravi, che potrebbero costringervi ad affrontare interventi più complessi e costosi.