Estetica dentale

Come e’ stato detto più volte in questo sito , la bocca, è di fondamentale importanza per stabilire un primo effettivo contatto con gli altri. Il sorriso ha il potere di creare attrattiva o repulsione nei confronti del nostro interlocutore. Oltre ad offrire un impatto gradevole, un bel sorriso, dà una maggior sicurezza in se stessi e permette di relazionarsi in modo più incisivo e soprattutto positivo con chi ci circonda, migliorando quindi anche la qualità della nostra vita. E’ comprensivo, dunque, che ci si rivolga sempre più spesso al dentista, non solo a semplice scopo curativo, ma anche per ottenere un sorriso accattivante.

Che cosa si intende per “BEL SORRISO”???

Il professionista deve riconoscere le caratteristiche anatomiche della persona che si trova davanti e raggiungere con il suo intervento un risultato armonico prima dal punto di vista clinico e poi estetico . A volte basta poco per migliorare tratti non perfetti attraverso piccole correzioni (Vai al video: Odontoplastica). Se dovessimo tutti tentare di raggiungere i canoni di perfezione classici, saremmo dei cloni. Molti personaggi di successo hanno fatto delle loro imperfezioni dei punti di forza.

L’Odontoiatra deve “avere occhio” per ripristinare il giusto equilibrio tra denti, tessuti molli, labbra, viso e fisionomia, creando quell’armonia di proporzioni che è la bellezza. La moderna tecnologia digitale (cad cam) unita all’esperienza e alla sensibilità estetica dell’operatore è fondamentale per un risultato unico. Non si può quindi “stampare” sulla bocca dei pazienti un sorriso preconfezionato, per quanto possa essere costituito da elementi di per se perfetti, ma utilizzando la sensibilità artistica, di cui abbiamo parlato. Dobbiamo quindi spiegare ai pazienti che a donare un bel sorriso non sono i denti privi di qualsiasi difetto di un bianco che più bianco non si può, come le piastrelle di un bagno, ma occorre invece inserire elementi dentali che, proprio grazie a piccole imperfezioni o irregolarità di forma o colore riescano a integrarsi armoniosamente con il contesto del viso dando così un risultato naturalmente bello e non artefatto.

Che cos’è l’odontoiatria estetica e di cosa si occupa??

Parlare dell’odontoiatria estetica come una semplice branca dell’odontoiatria è molto riduttivo, in quanto proprio per l’importanza estetica che si dà al sorriso, l’estetica è inserita in molte branche odontoiatriche.

Igiene dentale: è alla base di tutta l’estetica dentale. In assenza di una corretta e routinaria igiene dentale è assolutamente impossibile ottenere dei risultati esteticamente soddisfacenti. I denti risulteranno macchiati dalle abitudini alimentari ed anche da macchie di fumo nei fumatori, o di colore nei Pazienti che abitualmente bevono caffè o thè o mangiano con frequenza verdure; le gengive risulteranno infiammate, con bordi arrossati e sanguinanti come si ha nelle semplici gengiviti ed in queste condizioni è impensabile ottenere qualsiasi risultato estetico soddisfacente. (Vai al video: Ablazione del Tartaro)

Trattamenti conservativi: permettono, mediante i compositi di ultima generazione, il trattamento delle carie ripristinando e se voluto, anche modificando, in modo invisibile forma, dimensione e naturalezza degli elementi dentari.  (Vai alla foto: amalgama –composito)

Trattamenti protesici: mediante FACCETTE che vengono incollate sulle superfici dei denti dopo una minima preparazione degli stessi e ne possono modificare la forma, il colore, le dimensioni, aumentandole o riducendole al bisogno, la naturalezza e lucentezza; attualmente il metodo sicuramente più estetico è quello che individualizza le faccette in laboratorio. (Vai al video: Faccette)

Corone in disilicato: permettono, rispetto alle tradizionali corone in oro-ceramica, di mantenere la naturalezza e “trasparenza” dell’elemento dentario che non sembra assolutamente un dente ricoperto-incapsulato ma, se correttamente eseguite, assolutamente naturale senza più il rischio degli inestetici ed inaccettabili bordi neri che comparivano a livello gengivale con la retrazione della gengiva. In queste corone-capsule, non essendoci più il metallo, la luce può “passare”con le stesse modalità del dente naturale e questo lo si può vedere sia alla luce naturale che in ambienti chiusi con la luce artificiale, ove le corone in metallo-ceramica hanno una diffrazione completamente diversa rispetto gli elementi naturali. (foto capsula metallo- di silicato)

Sbiancamenti dentali: che, effettuati professionalmente in ambulatorio o domiciliarmente gestiti dai pazienti stessi con mascherine costruite sull’impronta della masticazione, permettono la riduzione del croma dei denti mantenendone invariate le caratteristiche naturali senza danneggiarli minimamente; non deve diventare bianco il dente, che vorrebbe significare un insuccesso estetico, ma deve certamente diventare più chiaro con le naturali caratteristiche. L’età, la dieta, le abitudini di vita delle persone, oltre ovviamente ai fattori costituzionali, influiscono sul colore dei denti. (Vai al video: Sbiancamento dentale)

Terapie ortodontiche: sono alla base dei successi estetici; l’allineamento dentale, prima degli sbiancamenti o delle otturazioni in composito o dei trattamenti protesici con corone o faccette, permette l’ottenimento del successo desiderato. La corretta posizione dentale e, quindi, anche della porzione all’interno dell’osso e delle gengive permette di ottenere una stabile “architettura” gengivale che, come abbiamo visto, sappiamo essere fondamentale per il risultato estetico.

L’espansione di un’arcata contratta migliora in modo radicale l’estetica del sorriso non solo a livello dentale infatti con i denti posizionati correttamente possiamo avere il sostegno per i tessuti molli delle labbra e delle guance (Vai al video: Sequenza del trattamento). I trattamenti ortodontici possono, poi, essere effettuati con metodiche sempre meno invasive e sempre più tollerabili da parte dei nostri pazienti, soprattutto adulti, che costituiscono una importante percentuale ( anche più del 50% ) dei pazienti trattati nella nostra clinica. Ecco l’importanza dei brakets in CERAMICA in sostituzione delle tradizionali placchette metalliche, o delle placchette LINGUALI non visibili perché “incollate” all’interno della superficie dentaria, o l’utilizzo di sistemi invisibili come l’INVISALIGN, che permettono di essere indossati dai nostri pazienti e portati quasi 24 ore al giorno.

Chirurgia ossea e gengivale: l’estrazione dentaria, anche solo di un elemento, comporta il riassorbimento osseo nel 90% dei casi e al riassorbimento osseo corrisponde sempre una contrazione gengivale; è IMPOSSIBILE ottenere un’estetica ottimale se non si ripristinano i volumi osseo-gengivali di partenza, utilizzando le tecniche rigenerative e ricostruttive attualmente standardizzate e alla portata di noi specialisti. Lo stesso nella malattia paradontale giustamente molto temuta e meglio conosciuta come piorrea. La possibilità di effettuare una RAFFINATA CHIRURGIA DEI TESSUTI MOLLI GENGIVALI, quindi, rende possibile il mascheramento di situazioni assolutamente antiestetiche.

Filler: Sia noi che i nostri Pazienti dobbiamo pensare globalmente sia all’ambito intra-orale che extraorale quando si parla di estetica in odontoiatria Il paziente che entra in uno studio all’avanguardia capisce che non troverà solo cure per i suoi problemi dentali ma anche e soprattutto Specialisti in grado di prendersi cura di tutta la sua persona. Ecco perché la Medicina e Chirurgia Estetica possono tranquillamente entrare tra le tecniche proposte dallo Studio di Odontoiatria per tutto ciò che riguarda la regione della bocca . Il trattamento estetico e funzionale di una bocca appena riabilitata, può essere meglio completato e valorizzato con un’intervento di Medicina Estetica Periorale (contorno bocca, sostegno delle labbra) e Facciale (mento, zona naso labiale, zona peri-sottoculare), senza alterare fisicamente i lineamenti, ma finalizzata alla Rivitalizzazione e Rigenerazione dei tessuti del Viso, con interventi “anti-tempo” e finalizzati al trattamento delle “rughe d’espressione” e delle “rughe di età” ed al “sostegno delle labbra o al loro rimodellamento plastico”, alla correzione del “sorriso gengivale”, secondo ben collaudati principi di riabilitazione funzionale e/o con metodi di Medicina e Microchirurgia Estetica Mini-Invasiva.